martedì 21 novembre 2017
Offerte
Home > Informazioni Utili > Storia e ricetta del Panettone
Storia e ricetta del Panettone

Storia e ricetta del Panettone

Oltre alla corsa per i regali, in prossimità del Natale iniziano anche le spese culinarie. Nella tradizione italiana, non possono certo mancare nelle tavole delle feste, i dolci. E ogni anno, immancabilmente, si ripresenta la lotta tra i due dolci tipici del Natale, pandoro e panettone. Lungi da noi schierarci in questo duello, vi parleremo però in queste righe del panettone.

Protagonista delle tavole delle festività tanto a Natale quanto a Capodanno, dove spesso nel brindisi di mezzanotte viene servito nelle tavole, questo ottimo dolce nasce a Milano. Nel 1944, l’azienda milanese Vergani avvia ufficialmente la produzione del panettone, realizzato con ricette tradizionali. Oggi, in commercio troviamo numerose varianti di questo dolce tipico, che agli ingredienti canonici ne hanno aggiunti altri.

La storia del panettone

Il panettone ha alle sue spalle una lunga storia,condita da un pizzico di leggenda. Come la maggior parte dei prodotti gastronomici, pare che anche questo dolce sia nato un pò per caso. Si narra infatti che un falconiere di Ludovico il Moro, innamorato della bella figlia del fornaio Toni, volse aiutarla nel suo lavoro, sempre più precario, realizzando un pane speciale. Per combattere la concorrenza, aggiunse al tradizionale impasto del pane, burro, uova, pezzetti di cedro candito e uva sultanina. Ne nacque un pane dolce e prelibato, che riscosse un grandissimo successo. L’intera città di Milano voleva assaggiare questo squisito prodotto e le file erano interminabili, davanti al forno, per acquistare quello che veniva chiamato il “pan del Toni”.

Circolano anche altre storie sulle origini di questo dolce, ma in tutte risulta che sia nato nel forno di Toni, da cui deriverà il suo attuale nome, panettone.

Come preparare il panettone?

Per chi è intenzionato a preparare il panettone in casa, dobbiamo avvisarvi che occorre una buone dose di pazienza e destrezza ai fornelli, perché si tratta di una preparazione piuttosto lunga e laboriosa. Per ottenere questo tradizionale dolce milanese, alto circa 30 cm, con la punta a cupola inserito in una base cilindrica, devono essere infatti utilizzati un lievito naturale con i giusti livelli di acidità e forza e una farina specifica con determinate caratteristiche. Il complesso procedimento di realizzazione prevede inoltre che l’impasto subisca almeno tre lievitazioni.

Se non vi siete scoraggiati e volete comunque cimentarvi in questa preparazione, ecco gli ingredienti:

  • Burro
  • Uova
  • Acqua
  • Farina
  • Aggiunta di frutta candita, pezzetti di cedro e uvetta

Le diverse tipologie di panettoni

Siete in cerca di una “ricetta” più semplice (e dal risultato garantito) per gustarvi il vostro buon panettone? Andate ad acquistarlo. Il panettone ormai si trova dappertutto, in Italia e nel mondo, e in un’infinità di varianti. Potete trovarne con forme differenti, ad esempio dalla base ottagonale o esagonale, e con le più fantasiose farciture, senza canditi, senza uvetta o con aggiunta di scaglie di cioccolato o di creme dai vari gusti.

Il prezzo del panettone, proprio in virtù di questa ampia gamma di varietà disponibili sul mercato, può variare notevolmente, sulla base della marca, del tipo di farcitura e del luogo di produzione. I panettoni artigianali prodotti per le pasticcerie da piccoli laboratori, spesso dei piccoli capolavori con decorazioni e farciture uniche, hanno prezzi notevolmente più alti di quelli che potete trovare sugli scaffali dei supermercati.

Negli anni, quindi, la ricetta tradizionale si è adeguata alla perdita del monopolio delle pasticcerie e alla commercializzazione su ampia scala del panettone differenziandosi in numerose varianti, per attirare un’utenza di consumatori quanto più ampia possibile.

Oggi, però, il panettone è riconosciuto come un dolce tipico italiano, e come tale tutelato dal D.M. 22-07-2005, che specifica gli ingredienti indispensabili e le percentuali minime di questi che devono essere presenti nel dolce affinché questo possa essere definito come panettone.