martedì 21 novembre 2017
Offerte
Home > Notizie di Capodanno > Riti scaramantici di Capodanno
Riti scaramantici di Capodanno

Riti scaramantici di Capodanno

Tutti noi per Capodanno seguiamo almeno qualcuno dei numerosissimi riti scaramantici di cui la nostra cultura è ricchissima. Sono veri e propri rituali propiziatori, spesso tramandati di generazione in generazione, che spesso seguiamo pur ignorandone il significato. In questo articolo, abbiamo provato a raccoglierli e spiegarli.

Lenticchie a capodanno portano tanti soldi

Questo gustoso legume non può mai mancare, in accompagnamento con il tradizionale zampone, nella tavola di un veglione che si rispetti, sia a casa che in qualsiasi ristorante. Il motivo lo sappiamo bene, le lenticchie portano soldi e ricchezza. Questo rituale, che deriva dalla somiglianza di questi legumi a tante piccole monetine d’oro, spinge anche i meno scaramantici di noi a mangiarsi almeno un cucchiaio di lenticchie, anche se ormai già sazi dopo abbondanti portate di carne e pesce, nella speranza che, nell’anno nuovo, si trasformino in tante monete vere!

Indossare sempre un capo di colore rosso

Questo è sicuramente il rituale più praticato, basti guardare le vetrine dei negozi di intimo che nel periodo natalizio si riempiono di capi di colore rosso…che puntualmente ci vengono regalati da qualche amico o parente e indossiamo nella notte di Capodanno.

Ma perché a Capodanno si indossa della biancheria intima rossa? Sin dai tempi degli antichi Romani, la simbologia legata al colore rosso è molto forte. E’ il colore della forza, legato a fortuna e buona sorte. Indossando un capo rosso nella notte dell’ultimo dell’anno, ci si attirerebbe dunque un anno più felice e fortunato. Se l’usanza di indossare indumenti rossi in questa occasione è molto antica, è però più recente l’abitudine di limitare all’intimo il colore rosso. Non si sa per certo la motivazione, possiamo pensare che al contatto con la pelle questo colore sprigioni con ancora più potenza le sue proprietà, anche se probabilmente si tratta solo di una scelta di ordine pratico, per consentirci di scegliere con la massima libertà gli indumenti eleganti da indossare durante il veglione.

Buttare dalla finestra gli oggetti più vecchi

Il più famoso tra i riti di Capodanno, anche se fortunatamente uno dei meno praticati, è quello di buttare oggetti vecchi dalla finestra, meglio se in vetro o ceramica, in modo tale che cadendo si rompano in mille pezzi. Perché? La spiegazione è semplice, con la fine dell’anno finisce un periodo della nostra vita, e buttando oggetti vecchi, rompiamo i legami col passato, preparandoci all’inizio di un nuovo periodo più fortunato. E’ altrettanto semplice intuire il motivo dell’abbandono di questo rituale, che pure è ancora praticato in alcune zone. Pensiamo infatti alla celebre scena di Fantozzi: sicuramente è esilarante vedere la Bianchina del povero ragioniere distrutta da una lavatrice gettata da una finestra del palazzo, ma nella realtà questa scena sarebbe decisamente meno divertente. Questo non vuol dire che non possiamo seguire questo rito “in sicurezza”, anche se in modo un po’ meno spettacolare, basterà rompere piatti e bicchieri sul pavimento di casa, l’effetto sarà lo stesso, anche se sporcherà un po’.

Dare un bacio sotto il vischio a chi vuoi bene

Questa è l’usanza più semplice da mettere in pratica ma anche la più bella, il bacio sotto il vischio alla persona a cui si vuole bene. A prescindere dalle motivazioni di questo rito, che non ci interessano più di tanto, pensiamo che baciare la persona che si ama sia il più bel modo di cominciare il nuovo anno…non credete anche voi?