martedì 21 novembre 2017
Offerte
Home > Informazioni Utili > Mangiare caviale a Capodanno
Mangiare caviale a Capodanno

Mangiare caviale a Capodanno

Se volete dare un tocco di raffinatezza in più al vostro Cenone di Capodanno 2016, non potete rinunciare a portare in tavola dell’ottimo caviale. Ma siete sicuri di conoscere le regole base per servire questo pregiato cibo e dare il giusto risalto al suo sapore? Nelle righe seguenti vi daremo qualche dritta per fare un figurone!

Come si mangia?

Dite pure addio alle posate se volete gustare al meglio il sapore del caviale. Nonostante appaia strano per un cibo così raffinato, infatti, il caviale si mangia con le mani. Mettendone un po’ sul dorso della mano, tra pollice e indice, potrete infatti assaporarlo al meglio poiché il calore della vostra mano gli farà raggiungere la temperatura ottimale per essere degustato. Se poi servirete in questo modo del buon caviale al vostro partner, aggiungerete sicuramente un pizzico di sensualità e pepe in più alla vostra cena a due!

Quale posata si utilizza?

Fate molta attenzione al cucchiaino per il caviale. Per non comprometterne il sapore, dovete assolutamente evitare le posate di metallo, per quanto prezioso. Banditi dunque argento, acciaio e simili, optate per un cucchiaino in madreperla o ceramica, per preservare al meglio il prelibato sapore di questo cibo.

Come si serve in tavola?

Per essere gustato al meglio, il caviale deve assolutamente mantenere una temperatura bassa anche quando viene servito in tavola, deve quindi essere servito con del ghiaccio. Il piatto per caviale è studiato appositamente per questo scopo ma, se non ne avete uno a disposizione, vi basterà riempire di ghiaccio tritato un comune piatto fondo da portata. A questo punto, posizionate la confezione aperta del caviale al centro del ghiaccio, facendo attenzione che non penetri all’interno.

Con cosa abbinarlo?

Non è facile trovare il giusto abbinamento per servire il caviale senza sminuirne il sapore. Generalmente, si usa servirlo con uova sode, panna acida e cipolle, i cui sapori molto forti e decisi tendono però a prendere il sopravvento su quello più raffinato e delicato del caviale. Un accostamento più adatto a valorizzarne il gusto, può essere quello con dei soffici blinis di grano saraceno arricchiti da una goccia di panna acida, o con delle semplici tartine con burro fresco. Per un risultato assicurato, potete anche portare in tavola mezza patata bollita al cui centro avrete posto del caviale.

Qual è miglior modo per presentare il caviale?

Ora non vi resta che portare in tavola il vostro prelibato caviale. Prendete innanzitutto un grande vassoio, al cui centro metterete il piatto da caviale, o il piatto da portata fondo preparato come vi abbiamo spiegato con, naturalmente, il caviale e un cucchiaino in ceramica per servirsi. Intorno al piatto, mettete quindi i cibi di accompagnamento, una ciotolina con crostini tiepidi, una con il burro, una con panna acida e una con scalogno tritato finemente. Ponete anche un piattino con delle patate novelle lessate e tagliate a metà, un piattino con uova sode, anch’esse tagliate a metà e uno con dei blinis. Ai vostri ospiti non resterà che l’imbarazzo della scelta, per trovare la combinazione che preferiscono e…buon appetito!

In che modo si conserva?

La prima cosa che dovete sapere è come conservare al meglio il caviale. Per preservarne il sapore, questo cibo va riposto in frigorifero, ad una temperatura variabile dai -2 ai 2 gradi. Evitate assolutamente il freezer, le cui temperature troppo basse ne comprometterebbero lo squisito sapore.